Previous Page  8 / 44 Next Page
Information
Show Menu
Previous Page 8 / 44 Next Page
Page Background

Pietro della Vecchia

conosciuto anche come: Pietro Muttoni, simia di Zorzon

(Vicenza, 1602 circa – Venezia, 1678)

Artista veneto, figlio del pittore Gasparo, è allievo inizialmente di Alessandro Varotari,

detto Padovanino, dal quale gli deriva il grande interesse per i maestri veneziani del

secolo XVI. Il suo stile viene poi molto influenzato da Carlo Saraceni e Jean Leclerc

tanto da far presumere che siano stati anche loro suoi maestri e si presume viva

qualche tempo a Roma, dove ha contatti con la colonia di pittori francesi dell’Urbe.

Dotato di grande talento, nel quarto decennio del XVII secolo diventa uno dei più

importanti pittori veneziani, soprattutto di soggetti sacri.

Molto ricercato dai committenti e divenuto anche pittore ufficiale della Serenissima,

gestisce una grande bottega e produce una serie interminabile di quadri nello stile dei

grandi artisti del secolo precedente, specialmente Giorgione

(da ciò il soprannome “simia di Zorzon”) e Tiziano.

Accanto a queste “imitazioni”, però, continua a eseguire opere in stile “moderno”,

assorbendo l’insegnamento del genovese Bernardo Strozzi, presente in quegli anni

a Venezia ed evolvendosi verso soggetti con una maggiore drammaticità di modello

caravaggesco e che si rifanno al gruppo dei “tenebrosi”, che riscuote successo nella

Venezia della seconda metà del XVII secolo.

Alcuni luoghi dove sono conservate le sue opere:

Accademia Carrara, Bergamo – Basilica di Santa Maria Gloriosa dei Frari, Venezia

Ca’ Rezzonico, Venezia – Chiesa di San Lio, Venezia – Chiesa di San Teonisto, Treviso

Chiesa di Santa Maria Assunta, Venezia – Duomo, Belluno

Ermitage, San Pietroburgo (Russia) – Galleria Nazionale, Copenhagen (Danimarca)

Galleria Nazionale, Praga (Repubblica Ceca) – Galleria Statale, Würzburg (Germania)

Gallerie dell’Accademia, Venezia – Istituto d’Arte, Chicago (Stati Uniti)

Louvre, Parigi (Francia) – Museo di Belle Arti, Boston (Stati Uniti)

Museo di Belle Arti, Nantes (Francia) – Museo di Storia dell’Arte, Vienna (Austria)

Pinacoteca Querini Stampalia, Venezia – Pinacoteca Tosio Martinengo, Brescia

Prado, Madrid (Spagna) – Pinacoteca del Seminario Vescovile, Rovigo